Nuovi incarichi per il volontario della rete AdS Cremona in Tribunale

 

Il volontario che la rete AdS locale della provincia di Cremona mette a disposizione del Tribunale ha da poco iniziato due nuovi incarichi: il primo di essi lo vedrà impegnato a gestire un software che analizza le rendicontazioni dei beneficiari di amministrazione di sostegno, dividendo le gestioni in base al possesso o meno di un patrimonio. Il secondo compito consiste nella utilizzazione di dati non sensibili ricavabili dalle nomine AdS al fine di realizzare statistiche per comprendere meglio il “fenomeno amministratore di sostegno” dell’ambito del Tribunale e realizzare, ove necessario, formazioni mirate. A proposito di questo ultimo incarico è stato siglato un accordo tra Anffas Cremona Onlus, capofila della rete locale AdS ed il Tribunale.

Il volontario che la rete AdS locale della provincia di Cremona mette a disposizione del Tribunale ha da poco iniziato due nuovi incarichi: il primo di essi lo vedrà impegnato a gestire un software che analizza le rendicontazioni dei beneficiari di amministrazione di sostegno, dividendo le gestioni in base al possesso o meno di un patrimonio. Questo comporterà un notevole aiuto al Tribunale che avrà uno strumento definito per ottemperare alle pratiche di controllo delle situazioni delle amministrazioni di sostegno in essere. La Presidente del Tribunale Ines Marini si è detta disponibile ad illustrare l'iniziativa ai colleghi di altri Tribunali nel caso fossero interessati ad utilizzare lo stesso sistema. Il secondo compito consiste nella utilizzazione di dati non sensibili ricavabili dalle nomine AdS al fine di realizzare statistiche per comprendere meglio il "fenomeno amministratore di sostegno" dell'ambito del Tribunale e realizzare, ove necessario, formazioni mirate. A proposito di questo ultimo incarico è stato siglato un accordo tra Anffas Cremona Onlus, capofila della rete locale AdS ed il Tribunale.

Risorse:

 
 

 

La rete di Cremona si presenta nel Foglio Informativo

 

La rete “Per una nuova cultura dei diritti” di Cremona si presenta nel Foglio Informativo 1/2014.

Incontreremo Giorgio, volontario negli sportelli territoriali e presso la Cancelleria di Volontaria Giurisdizione del Tribunale di Cremona e scopriremo di più dell'esperienza di Cremona sull'Amministrazione di Sostegno.

Per continuare a leggere scarica il Foglio Informativo 1/2014


Nel Foglio Informativo 1/2014:

  • Editoriale: 19€ valgono il diritto alla tutela delle persone fragili? di Chiarella Gariboldi, Assunta Peluso e Lino Lacagnina
  • 10 anni di legge sull'AdS... complimenti e auguri! di Zaccheo Moscheni, Coordinamento Regionale AdS
  • Una delle nostre reti... Cremona
  • Incontriamo un Volontario della Rete di Cremona, Giorgio
  • Cosa c'è stato... cosa ci sarà
 
 

 

Un nuovo modulo di ricorso in urgenza limitato ai trattamenti sanitari e a tempo determinato

 

In data 23 settembre 2013 si è tenuto un incontro tra i rappresentanti delle Aziende Ospedaliere del territorio cremonese, il Giudice Tutelare e l’Upg dell’ASL di Cremona per definire la procedura da adottare dalle Aziende Ospedaliere e dalle Case di Cura nelle ipotesi di richiesta al GT di consenso informato ad un trattamento sanitario per persone fragili in situazioni di urgenza. 
Da questo confronto è scaturito un modulo di ricorso in urgenza limitato ai trattamenti sanitari e a tempo determinato. 
Il modulo è già in uso con soddisfazione degli attori in gioco; i soggetti coinvolti si impegnano alla realizzazione di un protocollo che lo recepisce e contemporaneamente normerà definitivamente i rapporti tra Azienda Ospedaliera, UPG dell’ASL di Cremona e Servizi Sociali Territoriali. 

In data 23 settembre 2013 presso l'ASL di Cremona si è tenuto un incontro tra i rappresentanti delle Aziende Ospedaliere del territorio cremonese, il Giudice Tutelare e l'Upg dell'ASL di Cremona per definire la procedura da adottare dalle Aziende Ospedaliere e dalle Case di Cura nelle ipotesi di richiesta al GT di consenso informato ad un trattamento sanitario per persone fragili in situazioni di urgenza. 
Da questo confronto è scaturito un modulo di ricorso in urgenza limitato ai trattamenti sanitari e a tempo determinato. 
Il modulo è già in uso con soddisfazione degli attori in gioco; i soggetti coinvolti si impegnano alla realizzazione di un protocollo che lo recepisce e contemporaneamente normerà definitivamente i rapporti tra Azienda Ospedaliera, UPG dell'ASL di Cremona e Servizi Sociali Territoriali. 

 

 

Siglato protocollo d’intesa tra Asl e Tribunale di Cremona

 

Con atto deliberativo 405 del 21/11/13 è stato siglato un protocollo d’intesa tra l’ASL di Cremona e il Tribunale di Cremona in materia di protezione giuridica.
I principali obiettivi degli enti sottoscrittori consistono in interventi volti a qualificare e rafforzare la protezione giuridica delle persone fragili, anche attraverso la condivisione di informazioni e con la definizione di procedure uniformi di gestione dell’istituto al fine di rendere un servizio completo e di qualità.
Gli obiettivi si concretizzano nelle sotto indicate macro-aree:
-“orientare la totalità degli utenti che vengono intercettati dal Tribunale e dall’ASL tramite erogazione di informazioni omogenee e di utilizzo di modulistica condivisa”
-“accompagnare” gli utenti attraverso consulenza e supporto alla compilazione e presentazione del ricorso, della relazione annuale e per ogni eventuale istanza/contatto con il Tribunale

Con atto deliberativo 405 del 21/11/13 è stato siglato un protocollo d'intesa tra l'ASL di Cremona e il Tribunale di Cremona in materia di protezione giuridica.
Gli enti sottoscrittori intendono definire i reciproci rapporti in materia di protezione giuridica, nello specifico dell'istituto dell'Amministrazione di Sostegno, al fine di coadiuvare al meglio il Giudice Tutelare nell'individuazione del progetto di protezione più idoneo al beneficiario.
I principali obiettivi degli enti sottoscrittori consistono in interventi volti a qualificare e rafforzare la protezione giuridica delle persone fragili, anche attraverso la condivisione di informazioni e con la definizione di procedure uniformi di gestione dell'istituto al fine di rendere un servizio completo e di qualità.
Gli obiettivi si concretizzano nelle sotto indicate macro-aree:
-"orientare la totalità degli utenti che vengono intercettati dal Tribunale e dall'ASL tramite erogazione di informazioni omogenee e di utilizzo di modulistica condivisa";
"accompagnare" gli utenti attraverso consulenza e supporto alla compilazione e presentazione del ricorso, della relazione annuale e per ogni eventuale istanza/contatto con il Tribunale

 
 

 

Siglata la convenzione e l’integrazione tra Tribunale, Comune e Rete AdS di Cremona

 

In data 5 settembre 2013 è stata siglata la convenzione tra Tribunale di Cremona, Settore Politiche Sociali del Comune di Cremona e Anffas Cremona Onlus come capofila della rete ads provinciale di Cremona "Per una nuova cultura dei diritti" in materia di AdS.
La rete ads Cremona mette a disposizione del Tribunale di Cremona un avvocato per lo svolgimento di mansioni esecutive relative alle funzioni istituzionali.
Il 28 ottobre è stata firmata anche l'integrazione alla suddetta convenzione in cui la rete AdS di Cremona mette a disposizione un volontario per promuovere azioni di informazione, consulenza e sostegno alla persona ed alla sua famiglia nella fase del procedimento di nomina. 
Si prevede in futuro un'attività di ausilio e supporto anche all'interno della Cancelleria della Volontaria Giurisdizione per lo sviluppo di programmi che permettano al Giudice Tutelare la verifica di dati e situazioni che riguardano le AdS.

In data 5 settembre 2013 è stata siglata la convenzione tra Tribunale di Cremona, Settore Politiche Sociali del Comune di Cremona e Anffas Cremona Onlus come capofila della rete ads provinciale di Cremona "Per una nuova cultura dei diritti" in materia di amministratore di sostegno.
Finalità della convenzione è ottimizzare il funzionale adempimento dei compiti istituzionali da parte del Comune di Cremona e del Tribunale di Cremona, relativamente all'istituto dell'amministratore di sostegno, nonché sostenere, diffondere e consolidare il suo impiego sul territorio.
Anffas Cremona Onlus, capofila della rete ads provinciale di Cremona "Per una nuova cultura dei diritti" si impegna a mettere a disposizione del Tribunale di Cremona, in ausilio alle attribuzioni del Giudice Tutelare e alla Cancelleria di Volontaria Giurisdizione un avvocato per lo svolgimento di mansioni esecutive relative alle funzioni istituzionali, incluso il servizio di informazione al pubblico e la comunicazione di dati significativi, nel rispetto della normativa sulla privacy all'Upg dell'ASL della Provincia di Cremona.
Le parti si impegnano inoltre a sostenere la diffusione e il consolidamento sul territorio provinciale dell'istituto dell'Ads e alla creazione di sportelli procedurali e un elenco di amministratori di sostegno.
Il 28 ottobre è stata firmata anche l'integrazione alla suddetta convenzione in cui Anffas Cremona Onlus, capofila della rete ads provinciale di Cremona "Per una nuova cultura dei diritti" mette a disposizione un volontario con competenze giuridiche e amministrative per promuovere azioni di informazione, consulenza e sostegno alla persona ed alla sua famiglia sia nella fase del procedimento di nomina dell'amministratore di sostegno presso il Tribunale, sia di sostegno e consulenza all'amministratore di sostegno nominato per come dovranno essere individuate le azioni di straordinaria amministrazione e per la redazione dei rendiconti annuali. L'attività di ausilio e supporto alle funzioni dell'Ufficio de Giudice Tutelare verrà resa anche all'interno della Cancelleria della Volontaria Giurisdizione per l'implementazione di programmi che permettano al Giudice Tutelare la verifica di dati e situazioni che riguardano le amministrazioni di sostegno.

 
 

 

Iscrizione Newsletter